Pulau Ubin: un’isola dal passato

Cara Rita,

certe volte si ha bisogno di una pausa da tutto, rallentare e prendersi un po’ di tempo per se. Ecco perché la mia Travel Letter di questa settimana arrivata con qualche giorno di ritardo.
Dopo settimane di inteso delirio ci siamo presi qualche ora tutta per noi e siamo andati a… Singapore! Ma non Singapore-Singapore, ma una Singapore un po’ diversa.

Facciamo un piccolo ripasso di geografia: Singapore è una città-stato formata da un’isola principale più 62 isole minori. Alcune sono utilizzate per esercitazioni militari, altre isole sono super lusso con resort tutto compreso, e altre ancora hanno mantenuto l’anima selvaggia. Secondo te quale tipologia di isola abbiamo visitato? 😉

mappa.PNG

Pulau Ubin è un’isola a nord est di Singapore, una tra le più pittoresche e forse l’unica che ancora racchiude l’autenticità della Singapore originale. L’isola, raggiungibile in 10 minuti di barca, ha solo un piccolo villaggio vicino al porto, formato da una decina di costruzioni: un paio di “ristoranti”, qualche negozio di noleggio biciclette e casine sparse. A quel punto le opzioni sono una sola: prendere una bici e partire all’avventura.

Non ci aspettavamo di trovare un paesaggio tanto tranquillo e inesplorato. Mangrovie e piante da frutto creano una foresta senza fine abitata da tantissimi animali: cani, maiali e bestie esotiche.

Sulla costa est c’è una torre da vedetta da cui si ammira uno spettacolare panorama su Singapore e la vicinissima Malesia. Inoltre alla base si trova un percorso sospeso sull’acqua dove si gode la brezza marina del fiume di Johor (mi spiace deluderti ma non c’è un fiume giallo a Singapore).

L’isola è piacevolmente tranquilla, si respira aria di libertà e pace. Ma tra una pedalata e l’altra abbiamo anche trovato elementi un pò spaventosi come questo cimitero aperto.

O come queste casette gialle disabitate ma con un prato perfetto, per chi ha visto Lost questo è davvero terrificante.

IMG-20180917-WA0008-01

Ci siamo divertiti davvero moltissimo a fare gli “esploratori” in un territorio non impeccabile e costruito ad arte come ogni altra cosa a Singapore.

Travel with us,

Anna