Singapore – Il tormentone

Caro Riccardo,

Come stai? Come procedono i preparativi? Oggi vorrei parlarti di un evento che ci ha inaspettatamente travolto quando abbiamo annunciato ad amici e parenti dove ci saremo trasferiti.

E’ banale, ma quando persone completamente sconosciute tra loro cominciano a canticchiare la stessa canzone (a noi sconosciuta) appena un secondo dopo la frase “Ci trasferiamo a Singapore” la cosa diventa preoccupante.

Dopo lo stupore e qualche ricerca su internet abbiamo capito cosa stava succedendo: Singapore è il titolo di uno dei successi dei Nuovi Angeli (una di quelle boy band famosa negli anni ’70, stile Cugini di Campagna). Tra i loro brani più popolari ci sono Donna Felicità, Anna da Dimenticare, e naturalmente Singapore. Incisa nel 1972, scritta da Renato Parenti e Roberto Vecchioni Singapore non trova subito il successo, venendo eliminata dalle selezioni del 22ºFestival di Sanremo. Sarà la partecipazione ad “Un disco per l’estate” nell’edizione dello stesso anno a renderla famosa, tanto da fare incidere anche una versione in inglese con il titolo Angelina (oggi introvabile su internet).

Fino a qui avremmo anche potuto accettare la cosa, tutto sommato un successo musicale di 15 anni prima della nostra nascita, di un periodo piuttosto florido di gruppi musicali e canzoni poteva essere sfuggito dalle nostre playlist di Spotify. Dopo qualche ascolto però mi rendo conto che non sto capendo nulla del significato del testo.

Non ne colgo la trama né l’ironia – se c’è. La citazione sbagliata del fiume giallo che dovrebbe passare da Singapore mi sembra tirata anche per quegli anni. E la metafora delle pere? E poi perché proprio Singapore? In quegli anni Singapore stava muovendo i primi passi da città stato, con diversi problemi interni. Eppure, non ci sono storie, tutti si ricordano il ritornello, probabilmente non ascoltavano quel brano da 20 anni, ma alla parola Singapore il ricordo è uscito dal cassetto mentale. Così forte da far canticchiare in pubblico tutti quanti.

Non me lo spiego ma è andata così. Questa canzone per quanto banale ormai fa parte di noi, di questa esperienza e non mi stupirei se tra vent’anni anche noi alla parola Singapore cominceremo a canticchiarla.

Per chi non la conosce o non se la ricorda dico: fate attenzione! Non voglio essere responsabile di estemporanei concerti in autobus o in ufficio. Quindi non metterò il link della versione originale, ma solo di quella in tedesco (dove potete cogliere solo la melodia) registrato da i Pegasus che la portarono al vertice della hit-parade tedesca.

Per i curiosi ecco il testo originale in italiano: Singapore

Fonti: Wikipedia, YouTube

Travel with us,

Anna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...