10 cose proibite a Singapore + BONUS

Caro Alessandro,

che vuoi che ti dica, anche se dalle foto sembra tutto bellissimo e meraviglioso, pure in questo paradiso* le cose hanno una lato nascosto, un dietro le quinte che spiega come e perché Singapore è così pulitissima, sicurissima, ricchissima… Levissima.

*climatico e fiscale 😉

In questa città ci sono regole molto severe che permettono la convivenza di milioni di persone in un minuscolo spazio vitale. Questo sicuramente grazie alla tipica disciplina asiatica, ma soprattutto perché qui è ancora in vigore la pena di morte e le punizioni corporali.

Detto questo affrontiamo non troppo alla leggera la classifica delle 10 cose da non fare mai a Singapore:

  1. Mangiare o bere in metropolitana: la metro è pulitissima e proibendo il consumo  di cibo e bevande si abbatte ogni rischio di sporcare. Tolta la cause evitato l’effetto.
  2. Fumare: è praticamente proibito ovunque, e non parlo solo dei luoghi chiusi ma anche all’aperto. Sono concesse delle zone “fumatori” vicino a cestini-posacenere da cui non ci si può allontanare se non una volta terminata la sigaretta. Non sono iper restrittivi a riguardo, ma attenzione a non buttare per terra il mozzicone – vedi prossimo punto.
  3. Buttare cartacce per terra: legge piuttosto ovvia, anche se la multa può essere assai salata: S$300 se l’oggetto lanciato è piccolopiccolo altrimenti può arrivare fino a S$1.000 (circa €700). Talvolta vengono aggiunte alcune ore di volontariato per la raccolta di rifiuti lungo le strade. Il “criminale” deve indossare una casacca arancione che li identifica come litterbugs, stile cappello da asino. Tale umiliazione dovrebbe aiutare a far si che l’infrazione non si ripeta, secondo te potrebbe funzionare anche in Italia?
  4. Masticare gomme e spuntare per terra in generale: a Singapore è impossibile trovare qualcuno che venda chewingum, ne puoi importare qualche pacchetto, ma non puoi masticarle in luoghi pubblici. Solo a casa tua. (immagino feste illegali di 14enni con pacchetti di chewingum a volontà).
  5. Portare Durian nei luoghi pubblici e in metro: il durian è un frutto davvero puzzolente, l’odore assomiglia ad un misto di cipolla e calzini da runner dopo una maratona. Anche al supermercato le bancarelle di questo frutto sono esclusivamente nel parcheggio. Inutile che te lo chiedi, non sono ancora riuscita a farlo assaggiare a Michele.
  6. Attraversare lontano dalle strisce pedonali: allo stesso livello dei lancia-cartine ci sono gli incivili attraversatori-selvaggi. Solo nel 2012 ben 8.650 persone sono state colte in fragrante (fonte: singaporecriminallawyer.com). La multa può arrivare fino a S$1.000 e fino a 3 mesi di carcere; non vi dico se vi beccano per la seconda volta.
  7. Non tirare lo sciacquone di un bagno pubblico: te lo giuro. Qui a Singapore è illegale dimenticarsi di tirare l’acqua del wc.
  8. Girare nudi per casa: prima di arrivare a Singapore questa legge ci sembrava davvero bizzarra, proibire alla gente di fare quel che vuole a casa propria senza danni ad altri o allo Stato. Poi abbiamo girato qualche sera a piedi per i quartieri residenziali e abbiamo capito: le tende sono un optional ma le vetrate sono un must, due più due e… ti spunta la legge.
  9. Omossessualità: i diritti LGBT non sono ammessi a Singapore. L’attività sessuale tra persone dello stesso sesso è illegale. Le multe sono molto rare, ma sta di fatto che la legge resta. Ancora.
  10. Suicidio: diciamo che se non fai bene i calcoli e il suicidio si conclude solo con qualche costola rotta e tanto sangue, prima di soccorrerti ti mettono le manette.

BONUS

Ale, non vorrei averti spaventato con questa carrellata di non-devi-non-puoi per questo ho aggiunto un super bonus con quattro attività che puoi fare liberamente in pubblico ovunque e comunque, con il totale benestare del Galateo locale.

Ecco cosa puoi fare senza limiti e senza rischio di multe a Singapore:

  • Scoreggiare: un giorno una dolcissima ragazza asiatica che sedeva molto vicina a noi in biblioteca ha generato uno strano rumore. Michele l’ha prontamente giustificata dicendo che è stato solo perché si è mossa sulla sedia di pelle. Peccato che qui TUTTE LE SEDIE SIANO CON CUSCINI DI COTONE. Sherek e Fiona nella piscina di fango non sono nulla in confronto ad un ufficio di Singapore. E tale libertà è concessa proprio ovunque: in bus, al supermercato, in coda alla cassa. Cioè  la legge sul durian si e su questo no?
  • Ruttare: qui si può. Con o senza mano, in faccia al tuo interlocutore o in solitaria. Naturalmente suoni e odori si uniscono al primo punto. “Non è bellissimo? Certo” (cit.)
  • Tirar su col naso: in generale in Asia soffiarsi il naso non è ben visto, quindi l’alternativa resta tenersi tutto li dov’è e al momento opportuno inghiottire (nei paesi confinanti come Vietnam e Thailandia si spunta, ma qui non si può – vedi punto 4). Mentre ti scrivo a circa soli tre metri ho un simpatico asiatico che sta tirando su col naso. Non ho resistito, o meglio l’ho odiato per diversi minuti, ma poi ho reso la cosa scientificamente utile. L’ho cronometrato. Solo per darti dei dati oggettivi con i quali poter giudicare tu stesso la situazione. Il nostro amico, che chiameremo Xin quando non parla con il suo compagno di studi tiene una frequenza media sempre sotto i 10 secondi – niente male, eh? Se invece sta parlando può arrivare fino a 31 secondi tra uno sniff e l’altro. Ti giuro che la tentazione di offrirgli un fazzoletto è stata tanta tanta tanta.
  • Dormire: qui si può dormire ovunque e la gente riesce a dormire in qualunque posizione. Si dorme in metro, per strada e addirittura puoi dormire in biblioteca, qui solo a patto che non dormi sdraiato:”Sleeping outstretched in the library is not allowed“.

Allora Ale, quand’è che vieni a trovarci?

 

 

Travel with us,

Anna

 

P.S. Non è tutto così terribile. Per lo stile di vita che facciamo io e Michele al momento questa città ci piace molto. Ci sono degli aspetti a cui dobbiamo ancora adattarci ed altri che non mi piaceranno mai. Ma resta certamente un angolo di mondo assai interessante.

 

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...