Prima cena: Thai food

Caro Papà,

la prima cena non poteva che andare così. Dopo un giro tra i grattaceli e lungo il fiume Singapore (il fiume di Singapore si chiama Singapore) ci siamo decisi ad affrontare questa ardua sfida: trovare un locale per cena. Cercare da mangiare quando si ha fame in una città nuova è forse la cosa più difficile al mondo e tu lo sai bene.

Percorriamo la strada dove sembra si dirigano tutti, piena di lucine e tavole apparecchiate e veniamo immediatamente travolti dai promoter dei diversi locali: «Happy hour?», «Dinner?», «Have a look have a look». Chiaramente questo ti impedisce di leggere tranquillamente il menù e capire che tipo di cucina facciano e i vari prezzi. Poi ti rendi conto che fanno tutti le stesse cose allo stesso prezzo quindi forse, dopo tutto, è giusto così.

Però con tutta questa frenesia non mi piace proprio mangiare. Perché so che da qualche parte c’è il localino che vorrei, ma ancora non so come trovarlo, e per quello che sto cercando TripAdvisor non mi può essere di aiuto. Quindi prendo in mano la situazione in accordo con il mio stomaco, con quello di Michele e con il benestare del nostro portafogli e svolto in una traversa che si allontana dal fiume. La prima strada che incrocia la nostra già deserta è quella dei retro cucina, con giganti cassonetti neri e decine di ventole dei condizionatori. Il silenzio, la poca luce e il disordine di questa via ci fanno sentire come dietro le quinte di un palcoscenico, e un pò lo è.

Non ci fermiamo troppo non c’è nemmeno il tempo di una foto, lo stomaco continua ad urlare a gran voce «CIBOOO» e quindi bisogna proseguire. Facciamo poco più di 20 metri ed eccoci sulla seconda strada parallela al fiume dove qui tornano i suoni, le luci e qualche locale.

Ora si che cominciamo a ragionare.

Dò una rapida occhiata alle scritte sopra alle tende avvolgibili, guardo a destra e manca, cerco di evitare scontri con auto e motorini contro mano (ora il verso di marcia sbagliato è il mio), ma la fame aumenta, non ci resta più molto tempo. Vedo un locale. Fa thailandese. Questa cucina la conosco. Il tavolo è sporco come deve essere. Gli altri commensali sparsi sui tavolini lungo il marciapiede sono per lo più asiatici. Ottimo.

«Micheleee! Ho trovato la cena!»

 

Travel with us,

Anna

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...