L’importante è crederci!

Per quanto lo si desideri partire è sempre un pò traumatico.

Se poi il viaggio è lontano e per più di qualche mese significa rivoluzionare tutta la vita, riconfigurando la propria lista delle priorità. Solo decidere di partire è già di per sé una cosa difficile, ma niente in confronto a quando parenti, amici e conoscenti dal momento dell’annuncio iniziano a dedicarsi al loro sport preferito: l’interrogatorio!

Comincia sempre con un complimento velato del tipo: “wow che bello” oppure “caspita che scelta” o “che coraggiosa!” per poi attaccare, senza ulteriori preamboli con l’interrogazione che neanche la terza prova della maturità era tanto crudele.

Si inizia solitamente con domande di geografia: meteo locale, stagioni, densità di abitanti, lingua ufficiale (parlata e scritta), morfologia, idrografia e religione. Poi si passa  a storia politica «ma Singapore non era appartenente alla Malesia?» e giù dritti verso: bandiera, ambiente, istruzione, politica estera, valuta e turismo; per arrivare infine (solo per ora) alla richiesta dell’esposizione di un saggio breve sull’etimologia della parola Singapore*.

Se da una prima valutazione sommaria si raggiunge la sufficienza, il che tradotto significa che il nostro gentile interlocutore ha avuto quel che voleva, si passa alle domande personali: avete preso casa? Ma lui dove lavora? Tu cosa fai? Ma poi là è sempre caldo! (informazione appena appresa e rigirata).

Ma io adoro partire. Amo questa fase del viaggio. Anche per tutto questo. Perché è il momento in cui faccio davvero i conti con me stessa, con tutto quello di cui faccio parte. Ripercorro la mia vita, rivedo gli amici e assaporo ogni istante come se fosse l’ultimo per farne un ricordo e portarlo con me. E tutte queste domande poi sono convinta che celino altri quesiti, più profondi come: non avete paura? Come si fa a mollare tutto e partire? Ma ha senso spostarsi in un paese così lontano e così diverso?

Io a questo domande non ho una risposta semplice ma nei prossimi mesi cercherò di spiegarvelo con gli articoli le foto e i video di questo blog, perché anche se non ci troveremo nello stesso continente voi sarete tutti in viaggio con me noi!

 

Epilogo

«Scusi?»

«Si, mi dica»

«Ma alla fine stò esame l’ho superato?»

«Che differenza fa? Dopotutto la cosa importante è crederci

 

Anna

 

 

*Singapore: dal malese Singapura, che deriva dal sanscrito (सिंहपुर, IAST: Siṃhapura; siṃha è “leone”, pura è “cittadina” o “città”), che porta al modo comune di riferirsi a questo paese come la “Città del Leone” (fonte: Wikipedia)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...